Counseling & Counselor

Se traduciamo letteralmente dall’inglese la parola significa ‘dare consigli o assistenza’, cosa che il Counseling non fa. Possiamo dire che, rispetto alle tradizionali modalità di aiuto, il Counseling ha una strategia più profonda. Trova il suo sviluppo dall’intuizione di Carl Rogers, psicoterapeuta della metà del secolo scorso, secondo la quale se una persona si trova in difficoltà, il miglior modo di venirle in aiuto non è dirgli cosa deve fare , quanto piuttosto quello di aiutarlo a comprendere la situazione e a gestire il problema prendendo da solo e pienamente la responsabilità delle eventuali scelte.

Il Counseling lavora alla costruzione di alternativi schemi di pensiero all’interno della relazione umana e fornendo al cliente mezzi e risorse per trovare numerose possibilità di soluzione ai problemi, mira a far leva sulle sue risorse interiori per affrontare “una difficoltà circoscritta della sua esistenza” trovando insieme il modo di superarla. “Una difficoltà circoscritta della sua esistenza” sta ad indicare che il Counseling si occupa di problematiche che rimangono entro la sfera della normalità e non di disturbi psicopatologici.

Numerosi sono gli approcci teorici a cui il Counseling fa riferimento.

In particolare il Gestalt  Counseling affonda le sue radici nella Teoria della Gestalt.

La Gestalt è una disciplina affettivo-emotiva e una disciplina psico-corporea, che si prefigge di creare un adattamento creativo dell’organismo all’ambiente, identificando tutti i fenomeni di auto-bloccaggio e di resistenze a questo, nell’intento di aumentare il benessere dell’individuo, stimolando le risorse personali.

La teoria della Gestalt mira all’integrazione del corpo, dei sentimenti, del linguaggio e del comportamento attraverso l’uso delle metafore, delle immagini, della fantasia, lavorando con la postura, i movimenti del corpo, la messa in azione (amplificazione dell’esperienza vissuta), visualizzazioni e la piena espressione delle sensazioni che il corpo rimanda. La persona viene accettata nella sua interezza, cercando di far assumere con consapevolezza le responsabilità della ricerca del proprio benessere.

La dimensione temporale a cui la Teoria della Gestalt fa riferimento è quella dell’immediatezza, “il qui ed ora”. Ciò che conta non è l’interpretazione del vissuto, ma il “come”, il modo in cui il cliente sperimenta, senza pregiudizi o aspettative, con totale attenzione al fenomeno così come si presenta.

 

PROFESSIONE COUNSELOR

Il Counselor è un operatore d'aiuto per le tematiche che hanno a che fare con relazioni umane, da quelle professionali a quelle interpersonali, fino a quelle con se stessi.

Il Counselor è un professionista in grado di fornire consulenze di aiuto in merito a:

  • specifici problemi di ordine personale o professionale
  • difficoltà decisionali e nelle scelte di vita
  • difficoltà comunicative
  • difficoltà specifiche che si susseguono durante il ciclo di vita
  • gestione delle relazioni interpersonali
  • gestione della relazione intrapersonale
  • sviluppo delle risorse/potenzialità/capacità personali
  • promozione, sviluppo e crescita della consapevolezza personale
  • gestione di emozioni, pensieri, percezioni e conflitti interni o esterni

Il Counselor lavora con clienti individuali, coppie, famiglie, gruppi e organizzazioni.

Il Counselor mette in atto la relazione d'aiuto intesa come capacità di accettazione e ascolto e in secondo luogo diventando promoter e sponsor che aiuta le persone ad aiutarsi. Egli assume così la funzione di catalizzatore, cioè di agevolatore dello sviluppo di avvenimenti interni, e non di sostituto di capacità mancanti.

Il Counselor matura queste abilità nel gruppo, coinvolgendosi pienamente, imparando ad occuparsi di sé, per poterlo poi fare con gli altri. Impara a riconoscere i propri bisogni reali, a “sentire” attraverso tutto il corpo,  a stare in contatto con le proprie emozioni fidandosi della propria sensibilità intuitiva.

Inizio pagina